Sul decoro

Parlavo con la nonna e mi ha detto:

Sai, ho visto in televisione che adesso vogliono proibire di andare a scuola con i pantaloni strappati, le canottiere e i pantaloncini corti! È giusto, sai che a me piace il decoro. Almeno a scuola è giusto essere vestiti con un po’ di rispetto.

Purtroppo quando ero piccola non si aveva la possibilità di cambiarsi spesso e per avere dei vestiti nuovi bisognava aspettare che qualcuno te li regalasse! Si andava in giro con le toppe sui pantaloni e ci si vergognava se erano strappati. Io le capisco le mode, ma mi fa male il cuore vedere che tutti vanno in giro con i pantaloni rotti. Avere i pantaloni rotti significava che non potevi permettertene di nuovi. I tempi cambiano, ma speravo in meglio; speravo che con l’arrivo del benessere tutti saremmo andati in giro sempre eleganti e curati e invece no, non è così. È un vero peccato perché potremmo permetterci di essere sempre decorosi e invece si preferisce andare in giro con i vestiti strappati.

I figli di una mia amica, che abitavano in città, andavano a scuola con il maglioncino con i buchi e si nascondevano con i libri, per evitare la vergogna. I suoi hanno fatto tanti sacrifici per farli studiare ma adesso sono diventati professoressa e dottore e possono permettersi i vestiti non bucati.