Day 2

1-8-2017

Il secondo giorno è stato stupendo.

Al mattino appena svegli, ci hanno portato la colazione a letto, siccome in questa residenza non hanno la sala colazioni… e devo dire che è di gran lunga meglio così!

IMG_0630.JPG

Zaini in spalla siamo partiti alla volta di Città del Vaticano, ma il sole, nonostante fosse presto, picchiava già fortissimo, molto di più di quello del giorno prima. Siccome per entrare ci sarà stata una coda di almeno 2 ore, abbiamo rinunciato, preferendo una passeggiata per la piccola città. Poi siamo andati a vedere castel Sant’Angelo. Da fuori. Anche lì troppa coda + troppo caldo!

Dopo le ore più calde, quelle in cui Lucifero si fa sentire di più, quelle in cui Studio Aperto consiglia caldamente di non uscire e di bere molta acqua, abbiamo ripreso il nostro tour per questa meravigliosa città.

Il bello è anche perdersi… passeggiando, siamo capitati in un rifugio per gatti randagi, gestito da un’associazione no-profit, che ti permette anche di adottarne uno! Che cosa dolcissima.

Continuando a muovere i piedi a passo svelto, mano nella mano, davanti a noi si è aperta una magnifica vista, quella di piazza Venezia. Piazza immensa, con l’Altare  della Patria che, con il suo bianco luminosissimo e la sua maestosità e imponenza, quasi acceca.

IMG_0648.JPG

Passando per il Campidoglio e costeggiando il foro Romano, ai nostri occhi, lentamente, si apre la vista del monumento simbolico di questa città: il Colosseo. Che meraviglia. In quel momento ho capito perché si chiama così: è proprio un colosso maestoso, che ti fa sentire piccolo nei suoi confronti. Decidiamo di sederci all’ombra per riposare i nostri piedi e ammirare la meraviglia che avevamo davanti a noi.

IMG_0653.JPG

Accanto a me si siede una famiglia e il padre mi domanda “Where are you from?” e allora, fiera di poter sfoggiare il mio inglese gli rispondo “We’re from Italy, and you?”

Da queste due semplici domande è partita una chiaccherata con questa famiglia dell’Arabia Saudita che era in viaggio in giro per l’Europa da ormai un mese e il loro percorso si sarebbe fermato tra qualche settimana in Egitto. Abbiamo scoperto che di fronte a noi avevamo un politico ormai in pensione che, per scappare dai 52 gradi del deserto, ogni estate, con la sua famiglia, andava alla ricerca di mete più fresche. Com’è bello questo scambio di culture.

IMG_0657.JPG

Congedatici con loro, con la promessa di rivederci l’anno dopo in quello stesso punto, era ormai ora di cena. Quindi doccia e via di nuovo.

Vogliamo parlare della meraviglia di Roma di notte? Passeggiare per le sue vie ormai fresche e deserte, vederla tutta illuminata, l’unica cosa che riesci a dire è sticazzi!

IMG_0724.JPG

Ormai sono le 2 di notte e l’indomani sarà anch’essa una giornata pesante, meglio dormire…