Fiore ft. kKeplero

Insolito

Ti consiglio di leggere l’articolo ascoltando la canzone.

 

Portogruaro 2009. Fabio il pianista ha un’idea brillante. Decide di coinvolgere il suo amico Luca, quello bravo con la musica elettronica.

L’idea di base è quella di fondere il pianoforte con l’elettronica, ricordando quasi John Cage quando decise di mettere viti e bulloni sulle corde del pianoforte, per modificarne il suono, aumentando esponenzialmente le possibilità espressive.

Finalmente nel 2015 Fabio e Luca riprendono in mano il progetto. In quell’anno infatti, ad ottobre, furono invitati a portare il loro progetto alle “Serate Intonarumori” a Portogruaro e colti dall’entusiasmo si rimisero a suonare.

Scelgono quali canzoni usare, con quali suoni elettronici abbinarle, quale ritmo dargli et voilà ad aprile 2016 registrano il loro primo disco.

Ora sono FIORE e kKEPLERO e intervengono sui alcuni lavori di Alessandro Casagrande (compositore italiano morto nel ‘64) e di György Ligeti (compositore ungherese eclettico, geniale, controcorrente e ispiratore dei film di Kubrik), tentando di comprendere ed amplificare il messaggio che gli autori desideravano far passare, e al contempo fare diventare quel messaggio anche un po’ loro, caricandoli delle loro idee.

Il risultato finale, da un punto di vista musicale è abbastanza inquietante. Ma in questo caso va a braccetto con l’inquietante il bello, che sul momento ti fa storcere il naso ma subito dopo ti coinvolge, anche se non sai bene il perché.

FIORE e kKEPLERO desiderano da morire scrivere anche alcuni pezzi loro e vedere una compagnia di danza realizzare delle coreografie sui loro pezzi. Perché no!

Ora hanno in programma alcune date per il prossimo autunno/inverno. Si apprezza sempre quando le persone si dedicano a ciò che amano e con la loro testa hanno il desiderio di creare qualcosa di nuovo.

Chissà dove finiranno questi due strambi musicisti.

 

https://www.facebook.com/fiorefeatkeplero/

 

Questo slideshow richiede JavaScript.